Immagini della Svizzera scattate dagli americani dopo la Seconda guerra mondiale

Berna, 21.05.2019 – Nel 1946, con il consenso del nostro governo, i bombardieri americani sorvolarono la Svizzera, dopo aver sostituito le armi a bordo con delle macchine fotografiche. Il risultato furono immagini aeree di alta qualità che mostravano il nostro Paese in un modo davvero unico. Ora l’Ufficio federale di topografia swisstopo ha deciso di pubblicare queste immagini online rendendole accessibili a tutti.

Gli americani e gli inglesi miravano a sviluppare una carta aeronautica dell’Europa del dopoguerra. Per questo motivo erano necessarie immagini aeree accurate. Le armi installate su 66 bombardieri B-17 furono rimosse per fare spazio a due macchine fotografiche su ciascun aereo. Le autorità americane dovettero chiedere alla Svizzera il permesso di sorvolo, in quanto Paese neutrale. La Confederazione vide un vantaggio tecnico e politico per migliorare la propria immagine del dopoguerra e autorizzò i voli.

Operazione «Casey Jones»
Dal 19 maggio al 24 settembre 1946 furono effettuati 64 voli sul territorio elvetico e scattate 4200 fotografie. I voli facevano parte dell’Operazione «Casey Jones», il nome del pioniere dell’aviazione americana che solcò i cieli europei dall’Islanda al Nord Africa.

Immagini uniche della Svizzera
Le tecniche di fotografia aerea erano più moderne di quelle dei nostri servizi dell’epoca: le immagini erano impresse su pellicola d’argento in formato 23x23 cm mentre la Topografia nazionale lavorava con lastre di vetro. In un arco di quattro mesi i voli effettuati dagli americani riuscirono a mostrare un’immagine completa della Svizzera, mentre normalmente veniva coperta solo una piccola parte del Paese in un anno.

Accesso al pubblico
Le fotografie, conservate per anni negli archivi dell’Ufficio, erano molto ben documentate e quindi facilmente catalogabili. Il loro completo restauro e la digitalizzazione dei dati sono stati terminati nel 2015. Per facilitarne ulteriormente l’accesso, le migliaia di immagini singole sono state elaborate e poi unite insieme per formare un’immagine continua della Svizzera. È nato così un nuovo prodotto: SWISSIMAGE HIST 1946, in grado di offrire una panoramica unica e completa del nostro Paese dopo la Seconda guerra mondiale su map.geo.admin.ch.

Ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni

Sandrine Klötzli, Comunicazione swisstopo
+41 58 469 02 88
sandrine.kloetzli@swisstopo.ch

Editore