print preview

Swisscoy: il Consiglio federale intende prorogare l’impiego e aumentare l’effettivo

Berna, 27.11.2019 – Il Consiglio federale vuole prorogare l’impiego dell’esercito a favore della Forza multinazionale per il mantenimento della pace in Kosovo (KFOR). Inoltre, intende aumentare l’effettivo massimo del contingente da 165 a 195 militari per consentire all’esercito di rispondere alle esigenze supplementari della KFOR. Negli ultimi anni la situazione politica e in materia di sicurezza in Kosovo e nei Balcani occidentali si è infatti deteriorata, costringendo la NATO ad abbandonare il suo piano di dimezzare l’effettivo della KFOR. Nella sua seduta del 27 novembre il Consiglio federale ha trasmesso il relativo messaggio al Parlamento, a cui spetta la competenza di approvare questo impiego armato dal momento che la sua durata è superiore a tre settimane e che coinvolge più di 100 militari.

L’impiego della Swisscoy a favore della missione multinazionale KFOR, approvato dall’Assemblea federale fino al 31 dicembre 2020, dev’essere prorogato fino al 31 dicembre 2023. Conformemente al mandato attuale e al fine di adeguare le prestazioni della Swisscoy alle esigenze della KFOR, il contingente massimo è stato ridotto da 235 a 190 militari nell’aprile 2018 e a 165 militari nell’ottobre 2019. Tale riduzione è stata effettuata nel quadro del ritiro dei mezzi pesanti per il genio e i trasporti di cui la KFOR non aveva più bisogno.

Situazione tuttora instabile

Tuttavia, i postumi del conflitto continuano a pesare fortemente sul Paese sia a livello interno sia nelle relazioni con la Serbia. Il nuovo deterioramento delle relazioni tra Belgrado e Pristina avvenuto negli ultimi anni ha determinato una recrudescenza delle tensioni e degli incidenti provocati da entrambe le parti. Sebbene i rischi di un nuovo conflitto armato nel Paese siano minimi, la situazione politica e in materia di sicurezza in Kosovo è tale da rendere ancora necessaria la presenza della KFOR per garantire stabilità e sicurezza.

In tale contesto, all’interno della KFOR sono emerse nuove lacune in termini di capacità, che richiedono ulteriori contributi negli ambiti della libertà di movimento, dell’acquisizione di informazioni e delle funzioni di ufficiale superiore presso il quartiere generale della KFOR. Si tratta di compiti ai quali Swisscoy ha già contribuito in passato.

Aumento a 195 militari dall’aprile 2021

Per consentire all’esercito di rispondere a queste nuove esigenze, il Consiglio federale intende aumentare l’effettivo massimo del contingente dagli attuali 165 militari a 195 militari a partire dal mese di aprile del 2021. Inoltre, come finora, in caso di aggravamento della minaccia il contingente dovrebbe essere rafforzato con 20 elementi per un periodo massimo di quattro mesi. Per svolgere eventuali compiti logistici e di manutenzione, l’effettivo dovrebbe essere altresì aumentato con altri 50 elementi per un periodo massimo di otto mesi.

L’impiego della KFOR rispecchia l’importanza che gli Stati europei attribuiscono alle sfide in materia di sicurezza ancora presenti nella regione. Considerati i forti legami tra la Svizzera e il Kosovo, la stabilità nella regione è importante anche per il nostro Paese. Oggi, infatti, in Svizzera vivono quasi 500 000 persone che hanno radici nel Sud-Est europeo, di cui oltre 200 000 di origine kosovara. La Svizzera, che a sua volta beneficia della presenza di questa missione, dimostra con la sua partecipazione di contribuire a tale sforzo congiunto e, in questo modo, dà prova di solidarietà. Inoltre, dal 1999, l’Esercito svizzero trae utili insegnamenti dall’impiego della Swisscoy, in particolare per verificare e migliorare le sue procedure.

Il 31 dicembre di ogni anno il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) presenta, all’attenzione delle Commissioni della politica estera e della politica di sicurezza di entrambe le Camere, un rapporto intermedio sull’impiego della Swisscoy.

Ulteriori informazioni

Per ulteriori informazioni

Carolina Bohren
Portavoce DDPS
+41 58 467 00 24

Editore