print preview

Torna alla Pagina iniziale


Il Parlamento sostiene la protezione dell’ambiente sulle piazze d’armi

Con il programma «Natura, paesaggio ed esercito» il DDPS promuove da anni la biodiversità sulle piazze d’armi. Il Parlamento sostiene questo impegno con direttive supplementari sulla protezione dell’ambiente.

22.09.2022 | Comunicazione DDPS, Marco Zwahlen

190716-brennpunkt-naturschutz


Rinuncia ai pesticidi di sintesi, creazione di corridoi per la protezione della biodiversità e degli animali selvatici e soppressione dell’inquinamento luminoso: secondo la mozione della consigliera agli Stati Céline Vara (I Verdi/NE) il DDPS deve includere questi tre obiettivi supplementari) nel piano d’azione Strategia Biodiversità. Il piano d’azione è attualmente in fase di elaborazione. «Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport contribuisce notevolmente al fatto che la Confederazione sia il più grande proprietario di fondi in Svizzera. Non vi è quindi alcun dubbio che abbia un ruolo cruciale nella lotta contro il declino grave e rapido della biodiversità il quale mette seriamente a repentaglio il nostro sistema alimentare», afferma l’autrice della mozione. La consigliera agli Stati riconosce che il DDPS fa molto per la protezione dell’ambiente: «Ha adottato, da un certo numero di anni, misure di conservazione e di ripristino della biodiversità.»

Il Consiglio federale sostiene la mozione, così come il Consiglio degli Stati. Ora anche il Consiglio nazionale si è allineato alla Camera alta con 136 voti contro 50 e 1 astensione. La maggioranza sottolinea l’importanza delle aree militari per la biodiversità in Svizzera e approva il fatto che il Consiglio federale sia disposto a integrare le richieste della mozione nel suo piano d’azione in favore della biodiversità. Essa sottolinea tuttavia che ciò debba avvenire con prudenza e con un ragionevole rapporto costi-benefici. La minoranza è dell’opinione che nell’ambito della biodiversità l’esercito faccia già abbastanza e che gli scarsi mezzi finanziari debbano piuttosto essere investiti nell’adempimento dei compiti principali dell’esercito.


Torna alla Pagina iniziale