print preview Torna alla Pagina iniziale

La consigliera federale Amherd visita gli impieghi all’estero dell’Esercito svizzero in Kosovo e Bosnia-Erzegowina

Il 9 e 10 maggio il capo del DDPS visiterà gli impieghi dei contingenti svizzeri nella KFOR e nell’EUFOR Althea. In tale occasione si intratterrà con i militari e in varie località potrà farsi un’idea della situazione attuale in loco. La visita in Kosovo si svolge in vista di un possibile prolungamento dell’impiego della SWISSCOY, il cui mandato scade alla fine del 2020. La consigliera federale Amherd sarà accompagnata da membri del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati. In Bosnia-Erzegovina incontrerà la sua omologa bosniaca, il ministro della Difesa Marina Pendeš.

09.05.2019 | Comunicazione DDPS

190509-wissenswertes-brva-swissint-01


Da quasi 20 anni la Svizzera partecipa con una compagnia (SWISSCOY) alla Kosovo Force (KFOR) multinazionale, contribuendo in tal modo alla stabilità e alla pace nei Balcani occidentali. L’impiego di promovimento della pace in Kosovo si basa su una risoluzione dell’ONU. Il mandato per l’impiego dell’attuale contingente terminerà alla fine del 2020. Per tale motivo, la consigliera federale Amherd sottoporrà ancora quest’anno al Consiglio federale una proposta sull’ulteriore modo di procedere e su un eventuale prolungamento dell’impiego, su cui il Parlamento dovrà decidere l’anno prossimo.

Scambi con i militari della SWISSCOY e con il comandante della KFOR

Durante la sua visita, la consigliera federale Amherd si informerà, unitamente a membri del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati, sull’impiego in corso e sulle sfide attuali per farsi un proprio quadro della situazione e dell’attività militare in loco. A tal fine, si terranno riunioni con i Liaison and Monitoring Team a Mitrovica e con i militari della base logistica di Novo Selo. Infine, avrà luogo un incontro di lavoro con il comandante della KFOR e uno scambio con rappresentanti della società civile.

L’impiego svizzero in Bosnia-Erzegovina nel quadro dell’EUFOR Althea si basa ugualmente su una risoluzione dell’ONU. La visita a Mostar ha quale obiettivo di illustrare in che modo i Liaison and Monitoring Team mantengono i contatti con la popolazione civile e osservano e analizzano la situazione generale. A Mostar si terranno inoltre colloqui con rappresentanti della società civile. La consigliera federale Amherd incontrerà altresì la sua omologa bosniaca, il ministro Marina Pendeš, per un breve scambio bilaterale.

Gli impieghi in Kosovo e in Bosnia-Erzegovina servono al promovimento della pace nelle rispettive regioni e costituiscono una componente importante dei compiti dell’Esercito svizzero.

Foto