print preview

Scuole reclute: da subito nuovamente libera uscita in contesto civile e congedo del fine settimana

Berna, 19.07.2021 – A partire da questa settimana verrà nuovamente concesso il congedo generale nelle scuole reclute. Se la situazione epidemiologica lo consentirà, le reclute e i quadri potranno nuovamente beneficiare di una libera uscita al di fuori delle piazze d’armi e del congedo al domicilio ogni fine settimana.

Nel rispetto delle misure decise dal Consiglio federale ed entrate in vigore con effetto dal 26 giugno 2021, a partire dalla prossima settimana tutti i militari delle scuole reclute potranno nuovamente beneficiare della libera uscita settimanale in contesto civile e del fine settimana al domicilio. Questo vale sia per le persone vaccinate una volta, due volte e guarite dal COVID-19 come pure per le persone non vaccinate. Sono escluse dagli allentamenti delle misure le persone che sono risultate positive al test o che dopo essere entrate in contatto con persone risultate positive al test si trovano in isolamento o in quarantena. Se la situazione epidemiologica dovesse peggiorare, le misure esistenti verranno adeguate.

Circa il 45% delle reclute e dei quadri delle SR estive 2021 ha aderito alla proposta volontaria dell'esercito di farsi vaccinare contro il COVID-19 nella SR. Hanno ricevuto la prima dose nella seconda settimana di SR a partire dall'11 luglio 2021 e riceveranno la seconda dose nella sesta settimana di SR a partire dal 9 agosto 2021. Circa il 25% dei militari delle attuali scuole reclute si è già sottoposto alla vaccinazione in ambito civile prima di iniziare la scuola reclute.

Ad eccezione di coloro che hanno già ricevuto in ambito civile le due dosi di vaccino contro il COVID-19 o che sono guariti dal coronavirus, si continuerà a sottoporre ogni settimana tutti i militari a un test COVID-19 fino al termine della sesta settimana di SR. Dalla settima settimana di SR verranno testati settimanalmente solo i militari che non sono guariti dal COVID-19 o che non sono vaccinati.

Rimangono in vigore le altre misure di protezione emanate in seguito alla pandemia.

Per ulteriori informazioni

Daniel Reist
Portavoce dell’esercito
+41 58 464 48 08

Editore