print preview Torna alla Pagina iniziale

Dal 2020 la scuola reclute estiva inizierà nella 27a settimana

L’inizio della scuola reclute estiva non sarà coordinato con la fine dell’apprendistato. Il Consiglio nazionale, anche in seguito a una soluzione di compromesso presentata dal DDPS, ha respinto una mozione che chiedeva tale coordinamento. Dal 2020 la scuola reclute estiva inizierà una settimana dopo, ossia nella 27a settimana.

19.09.2019 | Comunicazione DDPS, Marco Zwahlen


«Il Consiglio federale è incaricato di adeguare le basi giuridiche per coordinare l'inizio della scuola reclute estiva con la fine del contratto di apprendistato.» Questo è quanto chiede una mozione del consigliere agli Stati Erich Ettlin (PDD, OW). In seguito all’attuazione dell’USEs, dal 2019 l’inizio della scuola reclute (SR) estiva è stato anticipato dalla settimana 27 alla settimana 26. «Tale decisione non ha tuttavia tenuto conto delle esigenze della formazione professionale. La SR estiva inizia proprio quando gli apprendisti sono alle battute finali della loro formazione professionale e sono ancora vincolati a un contratto di lavoro», afferma l’autore della mozione.

Il DDPS trova un compromesso

Il Consiglio degli Stati ha accolto la mozione durante la sessione estiva. Il Consiglio nazionale è però d’altra opinione. Con 97 voti contro 66 e 1 astensione respinge la mozione sulla base dell’impegno assunto dalla consigliera federale Viola Amherd, capo del DDPS, di posticipare l’inizio della SR estiva 2020 alla 27a settimana del calendario. Secondo la maggioranza la soluzione proposta rappresenta un compromesso fra le esigenze della formazione professionale e quelle della formazione universitaria. La soluzione proposta ridurrà il numero di domande di congedo per gli esami di maturità o di fine apprendistato non ancora conclusi o in sospeso e nel contempo manterrà l’attrattiva della formazione dei quadri grazie al coordinamento con gli studi.

Verifica dopo la conclusione dell’USEs

Il raggiungimento del miglior equilibrio possibile tra le esigenze dell’esercito e quelle dei datori di lavoro e delle scuole universitarie è uno degli obiettivi dell’USEs. Dopo la conclusione di quest’ultimo, la data d’inizio della SR sarà nuovamente oggetto di una verifica. È comunque opportuno rilevare che in occasione della consultazione relativa all’USEs non erano emersi indizi tali da far ritenere che la data dell’inizio della SR estiva sarebbe stata criticata o addirittura rimessa in discussione dalle associazioni padronali.