print preview

Apporto di personale in seno all’esercito e alla protezione civile

dossier-vbs-alimentierung-a-zs

Panoramica

Il 30 giugno 2021 il Consiglio federale ha approvato la 1a parte del rapporto concernente l’apporto di personale in seno all’esercito e alla protezione civile elaborato dal DDPS in collaborazione con il DEFR e i Cantoni. Il rapporto analizza l’evoluzione degli effettivi della protezione civile e dell’esercito ed evidenzia:

  • la protezione civile è già oggi strutturalmente sottodotata.
  • l’esercito sarà strutturalmente sottodotata alla fine del presente decennio.

Il rapporto, elaborato su incarico del Consiglio federale, è volto a esaminare in dettaglio l’evoluzione a lungo termine dell’apporto all’esercito e alla protezione civile di persone qualificate soggette all’obbligo di prestare servizio. I relativi lavori sono suddivisi in due parti. La prima parte del rapporto, che è stata approvata, contiene misure a breve e medio termine volte principalmente a migliorare gli effettivi della protezione civile. Le riflessioni sull’ulteriore sviluppo a lungo termine del sistema dell’obbligo di prestare servizio saranno presentate in una seconda parte del rapporto presumibilmente entro la fine del 2021.

Protezione civile: reclutamenti insufficienti

L’analisi degli effettivi della protezione civile mostra che le lacune nell’apporto di personale sono dovute a quote di reclutamento insufficienti. Ciò è riconducibile in parte all’introduzione dell’attribuzione differenziata (idoneità) all’esercito. Di conseguenza, nell’esercito oggi rimane un maggior numero di persone soggette all’obbligo di leva che in precedenza venivano incorporate nella protezione civile.

Inoltre, con la revisione della legge federale sulla protezione della popolazione e sulla protezione civile (LPPC), la riserva attuale è stata sostituita da una riserva intercantonale di personale e il periodo di incorporazione è stato ridotto da 20 a 14 anni.

Di conseguenza, varie classi d’età sono state prosciolte dal 2021. Si è proceduto a questa modifica nell’ipotesi che ogni anno sarebbero state reclutate 6000 persone soggette all’obbligo di prestare servizio di protezione civile per raggiungere l’obiettivo nazionale auspicato di 72 000 militi della protezione civile. Tuttavia, dal 2012 le quote di reclutamento sono in calo, raggiungendo nel 2017 unicamente 3800 nuovi militi della protezione civile. Ciò significa che a breve non sarà più possibile raggiungere l’apporto auspicato: senza contromisure, entro il 2030 gli effettivi potrebbero scendere a circa 51 000 militi della protezione civile. Per un periodo transitorio, i Cantoni hanno la possibilità di prolungare la durata del obbligo di prestare servizio di protezione civile, ma a lungo termine ciò non risolverà il problema del numero ridotto di reclutamenti.

Esercito: senza misure adeguate effettivi insufficienti alla fine del decennio

La prima parte del rapporto rileva anche che l’esercito dispone attualmente di un numero sufficiente di militari per l’impiego. Tuttavia, alla fine del presente decennio, il suo effettivo reale scenderà da 140 000 a 120 000 militari. Ciò è dovuto al fatto che, alla fine del periodo di transizione dell’Ulteriore sviluppo dell’esercito (USEs), a seguito della riduzione da 12 a 10 anni dell’obbligo di prestare servizio, sia nel 2028 che nel 2029 due classi d’età saranno prosciolte dall’esercito. Tali proscioglimenti erano previsti nella concezione dell’USEs. Poiché le partenze anticipate dall’esercito sono quasi tre volte superiori alle previsioni, se non vengono adottate misure, alla fine del presente decennio si perverrà a un’elevata insufficienza di effettivi.

Un’altra sfida consiste nel fatto che gli effettivi nei corsi di ripetizione sono troppo bassi per poter svolgere allenamenti in maniera adeguata. Ciò è dovuto al numero elevato di militari che sono ancora soggetti all’obbligo di prestare servizio, ma che hanno già adempiuto il proprio obbligo di prestare servizio d’istruzione. Essi possono essere chiamati in servizio soltanto nell’ambito di impieghi. Inoltre, il cambiamento del modello d’istruzione (sei corsi di ripetizione sull’arco di 10 anni, scuola reclute più breve, minor numero di giorni di servizio) comporta che i militari non sono chiamati ad assolvere ogni anno dei corsi di ripetizione.

L’USEs è ancora in fase di attuazione, per cui non è opportuno avviare adeguamenti strutturali. Inoltre, durante la fase d’attuazione mancano dati empirici consolidati per giustificare tali adeguamenti. Per esempio, circa un quinto delle persone soggette all’obbligo di leva si è avvalso della nuova possibilità di posticipare la scuola reclute. Non si sa ancora quando e quanti di loro entreranno effettivamente in servizio. La situazione sarà più chiara nel 2023. Il Consiglio federale rinuncia quindi attualmente ad adottare misure che vadano oltre l’ottimizzazione dell’esercito già in corso, ma proporrà adeguamenti strutturali con il rapporto conclusivo sull’attuazione dell’USEs nel 2023.

Misure per sfruttare meglio il potenziale di persone

I Cantoni dispongono di una serie di opzioni legali per migliorare leggermente i loro effettivi, perlomeno temporaneamente. Grazie a una disposizione transitoria della LPPC, sino al 2025 sarà possibile incorporare le persone soggette all’obbligo di prestare protezione civile fino al 40° anno di età nonché ricorrere alla nuova riserva intercantonale di personale per compensare gli effettivi. Poiché queste misure non migliorano gli effettivi in modo sostanziale o duraturo, il Consiglio federale ha deciso di adottare ulteriori misure per contrastare la tendenza alla diminuzione degli effettivi nella protezione civile:

  • Per sfruttare meglio il potenziale delle persone soggette all’obbligo di prestare protezione civile, occorrerebbe esaminare un’attribuzione che deroghi dal principio del domicilio, nonché l’introduzione di un’idoneità differenziata di tali persone al fine di acquisire un maggior numero di persone idonee al servizio di protezione civile.
  • Inoltre, in futuro dovrà essere possibile imporre ai civilisti di assolvere parte del loro obbligo di prestare servizio civile in un’organizzazione di protezione civile che presenta un’insufficienza persistente di effettivi. Ciò consente un avvicinamento tra il servizio civile e la protezione civile, come richiesto anche dalla Conferenza governativa per gli affari militari, la protezione civile e i pompieri (CG MPP). In tal modo, è possibile attenuare notevolmente il problema del reclutamento e dell’apporto di personale alla protezione civile. Poiché le persone soggette all’obbligo di prestare servizio civile sarebbero incorporate unicamente in caso di necessità in organizzazioni di protezione civile che presentano un’insufficienza persistente di effettivi, ciò non genererà un’eccedenza di effettivi.
  • Le persone abili al servizio militare, ma che non hanno ancora assolto la scuola reclute dopo i 25° anno di età, saranno assoggettate all’obbligo di prestare servizio di protezione civile.
  • Inoltre, le persone soggette all’obbligo di prestare servizio militare dichiarate inabili al servizio militare dopo aver assolto completamente la scuola reclute saranno obbligate a prestare servizio di protezione civile.

Revisioni di legge

Il Consiglio federale ha incaricato il DDPS e il DEFR di elaborare entro l’estate 2022 i corrispondenti progetti posti in consultazione della legge federale sull’esercito e l’amministrazione militare (LM), della legge federale sulla protezione della popolazione e sulla protezione civile (LPPC) e della legge federale sul servizio civile sostitutivo (LSC).

Scadenziario

Scadenziario

Stato giugno 2021
Meilenstein Datum
Progetti di legge  entro l'estate 2022
Rapporto concernente l’apporto di personale, seconda parte, misure a lungo termine entro la fine del 2021
Rapporto concernente l’apporto di personale, prima parte, misure a breve e medio termine 30 giugno 2021
Mandato del Consiglio federale per l'ulteriore sviluppo del sistema dell’obbligo di prestare servizio a lungo termine 28 giugno 2017
Riconoscimento dello studio da parte del Consiglio federale 6 luglio 2016
Mandato del Consiglio federale per uno studio di revisione del sistema dell’obbligo di prestare servizio 9 aprile 2014

Comunicati

Documenti

Tutte