Procedura di tutela del segreto

La procedura di tutela del segreto

La procedura di tutela del segreto comprende tutte le misure di sicurezza volte a garantire la protezione delle informazioni che devono essere applicate quando si affida a terzi, al di fuori del DDPS o dell’UFCL (Ufficio federale delle costruzioni e della logistica), un mandato militare classificato (confidenziale o segreto).

La procedura prevede misure su temi concernenti il personale, il materiale, l’amministrazione nonché temi rilevanti sotto il profilo della sicurezza informatica e comprende in particolare i settori istruzione, consulenza, controllo e applicazione delle prescrizioni in materia di protezione delle informazioni. Inoltre la procedura include, quale complemento alle basi legali, la prescrizione di misure di sicurezza particolari sotto forma di un verbale di sicurezza, allestito individualmente per ciascun terzo.

La procedura di tutela del segreto è applicata per analogia anche nell’ambito delle convenzioni internazionali sulla protezione delle informazioni nel caso di mandanti esterni (cfr. Relazioni internazionali / Visite – Quali procedure occorre osservare?)

Tipi di procedura

Procedura abbreviata

Il datore di lavoro (terzo/impresa) è già in possesso di un attestato di sicurezza. In tal caso il mandante deve trasmettere alla Sicurezza delle informazioni e degli oggetti (SIO) una comunicazione del mandato. I seguenti punti sono adempiuti dal datore di lavoro (terzo/ditta):

  • l’azienda / l’impresa è stata controllata dalla SIO;
  • tutte le misure ordinate sono attuate;
  • il verbale di sicurezza è firmato dal mandatario
  • l’attestato di sicurezza è ancora valido (validità 5 anni). Il rinnovo è effettuato dalla SIO o su richiesta del mandatario.

 

Il mandante (armasuisse, Base logistica dell’esercito, Base d’aiuto alla condotta, Servizio delle attività informative della Confederazione, Ufficio federale delle costruzioni e della logistica ecc.) riceve una copia del verbale di sicurezza. Per il mandante ciò significa nel contempo che l’attestato di sicurezza è stato conferito al datore di lavoro (terzo/impresa) e che al datore di lavoro possono essere consegnate informazioni classificate o che lo stesso datore di lavoro può produrre informazioni classificate.

Procedura semplificata

Il datore di lavoro (terzo/impresa) non è in possesso di un attestato di sicurezza. In questo caso occorre procedere nel seguente modo:

  1. il mandante presenta alla SIO una domanda d’inchiesta preliminare;
  2. se il datore di lavoro (terzo/impresa) può consultare i documenti classificati e/o ha accesso agli impianti militari di zone protette 2 e/o 3, si applica la «procedura semplificata»;
  3. al riguardo, per i propri collaboratori che partecipano al mandato, il datore di lavoro (terzo/impresa) deve far compilare i formulari Controllo di sicurezza relativo alle persone (CSP) e Obbligo di mantenere il segreto A/B e inviarli al proprio mandante;
  4. il mandante invia per controllo alla SIO i formulari CSP compilati;
  5. i formulari Obbligo di mantenere il segro A/B compilati sono conservati presso il mandante;
  6. il datore di lavoro (terzo/impresa) riceve la decisione CSP (la decisione deve essere trasmessa per informazione al mandante).

Procedura normale

Il datore di lavoro (terzo/impresa) non è in possesso di un attestato di sicurezza. In questo caso occorre procedere nel seguente modo si:

  1. il mandante presenta alla SIO una domanda d’inchiesta preliminare;
  2. se al datore di lavoro (terzo/impresa) vengono trasmesse informazioni classificate o se nei suoi locali vengono prodotte informazioni classificate, si applica la «procedura normale»;
  3. al riguardo, per i propri collaboratori che partecipano al mandato, il datore di lavoro (terzo/impresa) deve far compilare i formulari Controllo di sicurezza relativo alle persone (CSP) e Obbligo di mantenere il segreto A/B e inviarli al proprio mandante;
  4. il mandante invia per controllo alla SIO i formulari CSP compilati;
  5. i formulari Obbligo di mantenere il segro A/B compilati sono conservati presso il mandante;
  6. quando il datore di lavoro (terzo/impresa) riceve il mandato, il mandante deve allestire la comunicazione del mandato. Essa comprende:
    • il formulario comunicazione del mandato con elenco delle classificazioni e
    • l’obbligo di mantenere il segreto A/B.
  7.  mandante invia alla SIO il formulario comunicazione del mandato compilato.


Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport Sicurezza delle informazioni e degli oggetti SIO
Papiermühlestrasse 20
CH-3003 Berna
Tel.
+41 58 463 38 48
Fax
+41 58 463 38 21

Modulo di contatto


Stampare contatto

Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport

Sicurezza delle informazioni e degli oggetti SIO
Papiermühlestrasse 20
CH-3003 Berna

Vedi mappa